Un Ercole che non è Ercole

Pubblicato il Pubblicato in Archeologia, Opuscoli
Fufluns – bronzetto etrusco rinvenuto a Contarina

Come già ho avuto modo di ricordare in altre occasioni, capita a volte di notare delle sviste degli studiosi quando, nelle loro opere, parlano di cose che esulano dalla loro specifica competenza.

Il settore in cui sembra che i nostri addetti ai lavori cadano più spesso in errore è quello della zoologia: lupi scambiati per cavalli, cervi per stambecchi, capri per tori e così via, sono cose che capita abbastanza frequentemente di notare anche su testi importanti.

«Data l’approssimazione di certe immagini – si dirà – è facile cadere in fallo!»

È vero…  che a volte il riconoscimento dei soggetti sia reso problematico dall’approssimazione di certe figure o dal loro pessimo stato di conservazione è un fatto che non si discute, tuttavia, quando le forme sono riprodotte in modo accurato, quasi calligrafico, l’errore non è più ammesso, spece se l’interpretazione che ne deriva condiziona pesantemente la sostanza dell’opera.

[Scarica l’opuscolo: Un Ercole che non è Ercole(PDF 1,6 MByte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *