Archivi categoria: Astrofisica

LA TERRA E I SUOI FRATELLI

Ipotesi sulle tempestose vicende che hanno segnato l’esistenza dei Pianeti interni del Sistema Solare

Sulla base di quanto esposto nell’opuscolo “I Mondi di Fuoco” vediamo ora come si è sviluppata la parte interna del sistema solare, quella occupata dai cosiddetti “pianeti rocciosi”, la cui origine non ha nulla a che vedere con le “fantasie” pubblicate nel mondo scientifico anche in tempi recentissimi.
In particolare, sulla base della “Legge di Bode”, espongo la mia teoria, fondata su dati oggettivi, riguardo all’origine della fascia degli asteroidi e sulle eclatanti anomalie riguardanti la massa dei pianeti Venere e Marte nonché l’anomala orbita di quest’ultimo.

[Scarica l’opuscolo “La terra e i suoi fratelli“]  (PDF 1,7 MByte)

STELLE E BUCHI NERI

Ipotesi sulla origine delle Stelle e sulla consistenza dei Buchi Neri  (2002)

Come abbiamo visto nell’opuscolo “I mondi di fuoco”,  il fatto che un Corpo Celeste giri freneticamente su sè stesso, produce un effetto in apparenza trascurabile nella sua normalità, il quale tuttavia, una volta che detto Corpo abbia aumentato a sufficenza il proprio volume grazie al materiale che lo bombarda senza tregua, costituisce la base di partenza della sua accensione spontanea.

Quando queste condizioni non si verificano, detto corpo rimane “spento”, divenendo quello che viene qui definito “Corpo Oscuro”, cioè un Buco Nero.

[Scarica l’opuscolo “Stelle e Buchi Neri“]  (PDF 348 KByte)

MONDI DI FUOCO

Ipotesi sull’origine della energia endogena dei corpi celesti.

Secondo la Scienza ufficiale, il calore interno dei corpi celesti sarebbe generato inizialmente dalla compressione dei materiali componenti i corpi stessi, ma sarà vero?

In realtà, tutti i corpi celesti animati da una più o meno intensa energia endogena ruotano attorno ad un potente centro di attrazione di cui sono prigionieri, situazione questa che li espone alle stimolazioni esterne che li fanno ruotare su sè stessi.

[Scarica l’opuscolo “Mondi di Fuoco“]  (PDF 746 KByte)